Cos'è il PRP?

Il PRP (Plasma Ricco di Piastrine) è tra i derivati del sangue più usati nell'utilizzo dei fattori di crescita e non è altro che il risultato della centrifugazione di sangue autologo (cioè del paziente stesso) che permette di estrarre una parte di plasma ad alta concentrazione di piastrine.

Il PRP fu utilizzato per la prima volta nella cardio-chirurgia da Ferrari nel 1987 e in seguito nella chirurgia maxillo faciale e nella chirurgia plastica fino ad arrivare all'applicazione in ortopedia ed alla medicina dello sport nel trattamento delle tendinopatie, nelle lesioni muscolari acute e croniche, nei casi di fibrosi muscolare e lassità capsulare nella spalla fino all'utilizzo nelle artriti, sinoviti ed infiammazioni tendinee e nelle lesioni meniscali e della cartilagine articolare.

I fattori di crescita aumentano la capacità del proprio corpo di riparare i tessuti molli come muscoli, tendini e legamenti che sono andati incontro a lesioni infiammatorie o degenerative.

Le Piastrine, concentrate in gran numero nel PRP, non agiscono solo come fattori della coagulazione ma contengono al loro interno dei granuli ricchi di fattori di crescita che hanno una azione antiinfiammatoria, di rimozione delle cellule necrotiche e di ricostruzione tissutale.

Il PRP è sicuro perchè è derivato dal sangue dal paziente stesso, evitando così il rischio di malattie trasmissibili come HIV ed Epatite Virale e di reazioni allergiche.

Il PRP non provoca carcinogenesi e quindi non può stimolare la formazione di tumori.